''La contessa nera'', storia di Erzsébet Bàrthory, una dei peggiori serial killer della storia Pubblichiamo la recensione di Cristina Calvaruso per il preciso racconto dell’opera di Rebecca Johns che narra la storia della contessa Dracula MILANO - Erzsébet Bàrthory è la contessa Dracula, cosi chiamata a causa della sua indole omicida, nei confronti della sua servitù. La contessa viene considerata, ancora oggi, una dei peggiori serial killer della storia, con il record di un gran numero di omicidi (tra i 100 e i 300). Il libro ''La contessa nera'' di Rebecca Johns si apre con una lettera al figlio della contessa, da parte del Reverendo Zacharias, in cui annuncia la morte della madre e il suo fallimento nel compito di redenzione della sua anima. Insieme alla lettera allega numerose pagine scritte dalla contessa durante gli anni di prigionia e in cui racconta la sua vita al figlio. Le pagine si alternano come una sorta di diario autobiografico. Tutto ha inizio con la piccola Erzsèbet Bàthory, il tempo passa e la sua vita inizia già ad essere pian piano distrutta, prima la scoperta di doversi sposare contro la sua volontà con il suo futuro marito, Ferenc Nàdasdy, solo per arricchire la famiglia e accrescerne il potere; successivamente la morte del padre la costringerà ad entrare a far parte nel mondo degli adulti, infatti il fratello appena sedicenne diventa il nuovo capofamiglia e lei dovrà prendere il posto della madre, caduta in depressione dopo la morte del marito. Poco dopo la piccola contessa, appena undicenne, andrà a vivere nella casa dei Nàdasdy, per prepararsi al fidanzamento ufficiale e intraprendere la vita da buona moglie e iniziare ad amministrare i lavori del castello. Ma Ferenc, anche dopo il matrimonio e per tanti anni, non dà nessuna importanza alla moglie, ingnorandola e preferendo a lei, servette ...

''La contessa nera'', storia di Erzsébet Bàrthory, una dei peggiori serial killer della storia

Erzsébet Bàrthory è la contessa Dracula, cosi chiamata a causa della sua indole omicida, nei confronti della sua servitù. La contessa viene considerata, ancora oggi, una dei peggiori serial killer della storia...

La contessa nera, Rebecca Johns, Erzsébet Bàrthory, recensioni libri, lettura

Pubblichiamo la recensione di Cristina Calvaruso per il preciso racconto dell’opera di Rebecca Johns che narra la storia della contessa Dracula


MILANO - Erzsébet Bàrthory è la contessa Dracula, cosi chiamata a causa della sua indole omicida, nei confronti della sua servitù. La contessa viene considerata, ancora oggi, una dei peggiori serial killer della storia, con il record di un gran numero di omicidi (tra i 100 e i 300). Il libro ''La contessa nera'' di Rebecca Johns si apre con una lettera al figlio della contessa, da parte del Reverendo Zacharias, in cui annuncia la morte della madre e il suo fallimento nel compito di redenzione della sua anima. Insieme alla lettera allega numerose pagine scritte dalla contessa durante gli anni di prigionia e in cui racconta la sua vita al figlio.


Le pagine si alternano come una sorta di diario autobiografico. Tutto ha inizio con la piccola Erzsèbet Bàthory, il tempo passa e la sua vita inizia già ad essere pian piano distrutta, prima la scoperta di doversi sposare contro la sua volontà con il suo futuro marito, Ferenc Nàdasdy, solo per arricchire la famiglia e accrescerne il potere; successivamente la morte del padre la costringerà ad entrare a far parte nel mondo degli adulti, infatti il fratello appena sedicenne diventa il nuovo capofamiglia e lei dovrà prendere il posto della madre, caduta in depressione dopo la morte del marito.


Poco dopo la piccola contessa, appena undicenne, andrà a vivere nella casa dei Nàdasdy, per prepararsi al fidanzamento ufficiale e intraprendere la vita da buona moglie e iniziare ad amministrare i lavori del castello. Ma Ferenc, anche dopo il matrimonio e per tanti anni, non dà nessuna importanza alla moglie, ingnorandola e preferendo a lei, servette e altre donne. Solo successivamente capirà di amare Erzsébet e di apprezzare la sua cattiveria nei confronti delle fanciulle della servitù, ma ciò non lo distoglie dalla tentazione di tradirla. Ferenc sarà uno tra i tanti uomini che faranno soffrire la contessa, forse sono proprio l'amore non corrisposto e il tradimento la causa della sua superbia e ira omicida, che la porta a uccidere e seviziare le fanciulle.


Ma la contessa nelle sue lettere chiede solo di essere rispettata come signora del castello e che questo la spinge a punirle. Saranno proprio alcune persone della sua famiglia e che credeva fidate a denunciarla. Dovrà scontare la sua pena nella sua stanza murata viva, fino alla sua morte. Quella della contessa Bàthory è una storia reale, raccontata in molti libri e film. Rebecca Johns riesce a narrare la sua vita in modo molto lineare, il libro riesce a catturarti dalla prima all'ultima pagina.


Mi piace anche il fatto che la storia sia raccontata in prima persona dalla stessa contessa, ciò ti fa entrare dentro la mente della protagonista facendoti provare quasi pena per lei, non tanto per gli omicidi ma per il comportamento delle serve nei suoi confronti: chiacchiere, furti, tradimenti. Soprattutto ci fa comprendere l'amore per il figlio, ancora troppo piccolo per poterla proteggere ed entrare in possesso del titolo di conte. Ho apprezzato anche l'inserimento di nomi e riferimenti a luoghi dell'Ungheria nel '500, che ti riportano a rivivere la storia insieme alla contessa e a immaginarti luoghi tetri e medioevali.


Erzsébet viene definita un'assassina, ma molti la reputano una strega, altri una donna nobile annoiata e invidiosa della giovinezza delle sue serve. Quale sia la realtà non saprei, posso dirvi solamente che mi sono appassionata veramente tanto alla storia della protagonista e che Rebecca Johns è riuscita perfettamente nell'intento di far conoscere la sua storia, facendomi provare le mille emozioni che si riversavano nel cuore della contessa.

1 novembre 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA

''La contessa nera'', storia di Erzsébet Bàrthory, una dei peggiori serial killer della storia

''La contessa nera'', storia di Erzsébet Bàrthory, una dei peggiori serial killer della storia La contessa nera, Rebecca Johns, Erzsébet Bàrthory, recensioni libri, lettura libreriamo.it

Pubblichiamo la recensione di Cristina Calvaruso per il preciso racconto dell’opera di Rebecca Johns che narra la storia della contessa Dracula


MILANO - Erzsébet Bàrthory è la contessa Dracula, cosi chiamata a causa della sua indole omicida, nei confronti della sua servitù. La contessa viene considerata, ancora oggi, una dei peggiori serial killer della storia, con il record di un gran numero di omicidi (tra i 100 e i 300). Il libro ''La contessa nera'' di Rebecca Johns si apre con una lettera al figlio della contessa, da parte del Reverendo Zacharias, in cui annuncia la morte della madre e il suo fallimento nel compito di redenzione della sua anima. Insieme alla lettera allega numerose pagine scritte dalla contessa durante gli anni di prigionia e in cui racconta la sua vita al figlio.


Le pagine si alternano come una sorta di diario autobiografico. Tutto ha inizio con la piccola Erzsèbet Bàthory, il tempo passa e la sua vita inizia già ad essere pian piano distrutta, prima la scoperta di doversi sposare contro la sua volontà con il suo futuro marito, Ferenc Nàdasdy, solo per arricchire la famiglia e accrescerne il potere; successivamente la morte del padre la costringerà ad entrare a far parte nel mondo degli adulti, infatti il fratello appena sedicenne diventa il nuovo capofamiglia e lei dovrà prendere il posto della madre, caduta in depressione dopo la morte del marito.


Poco dopo la piccola contessa, appena undicenne, andrà a vivere nella casa dei Nàdasdy, per prepararsi al fidanzamento ufficiale e intraprendere la vita da buona moglie e iniziare ad amministrare i lavori del castello. Ma Ferenc, anche dopo il matrimonio e per tanti anni, non dà nessuna importanza alla moglie, ingnorandola e preferendo a lei, servette e altre donne. Solo successivamente capirà di amare Erzsébet e di apprezzare la sua cattiveria nei confronti delle fanciulle della servitù, ma ciò non lo distoglie dalla tentazione di tradirla. Ferenc sarà uno tra i tanti uomini che faranno soffrire la contessa, forse sono proprio l'amore non corrisposto e il tradimento la causa della sua superbia e ira omicida, che la porta a uccidere e seviziare le fanciulle.


Ma la contessa nelle sue lettere chiede solo di essere rispettata come signora del castello e che questo la spinge a punirle. Saranno proprio alcune persone della sua famiglia e che credeva fidate a denunciarla. Dovrà scontare la sua pena nella sua stanza murata viva, fino alla sua morte. Quella della contessa Bàthory è una storia reale, raccontata in molti libri e film. Rebecca Johns riesce a narrare la sua vita in modo molto lineare, il libro riesce a catturarti dalla prima all'ultima pagina.


Mi piace anche il fatto che la storia sia raccontata in prima persona dalla stessa contessa, ciò ti fa entrare dentro la mente della protagonista facendoti provare quasi pena per lei, non tanto per gli omicidi ma per il comportamento delle serve nei suoi confronti: chiacchiere, furti, tradimenti. Soprattutto ci fa comprendere l'amore per il figlio, ancora troppo piccolo per poterla proteggere ed entrare in possesso del titolo di conte. Ho apprezzato anche l'inserimento di nomi e riferimenti a luoghi dell'Ungheria nel '500, che ti riportano a rivivere la storia insieme alla contessa e a immaginarti luoghi tetri e medioevali.


Erzsébet viene definita un'assassina, ma molti la reputano una strega, altri una donna nobile annoiata e invidiosa della giovinezza delle sue serve. Quale sia la realtà non saprei, posso dirvi solamente che mi sono appassionata veramente tanto alla storia della protagonista e che Rebecca Johns è riuscita perfettamente nell'intento di far conoscere la sua storia, facendomi provare le mille emozioni che si riversavano nel cuore della contessa.

1 novembre 2013


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati

IL PONTE DEL DIAVOLO
Rebecca non fa in tempo ad intercettare un taxi che le squilla un secondo telefono, quello personale, rimasto inavvertitamente acceso. E’ Stefania, l’amica delle superiori, ...

Harry Potter e la pietra filosofale, quando il libro racconta più del film
La Salani Editore ha da poco pubblicato una nuova edizione della saga "Harry Potter". In questa nuova edizione, la casa editrice, ha modificato quella che ...

''Funerali a Gaza'' di Paul Hansen è la foto vincitrice del World Press Photo 2013
Premiata la foto che immortala una processione funebre in onore di due bambini palestinesi uccisi in un blitz israeliano MILANO – Una foto ...

La Cina Di Yu Hua descritta in dieci semplici parole
 Pubblichiamo la recensione di Timothy Dissegna per la chiara e lucida analisi del libro di Yu Hua   ...

Quale futuro per musei e biblioteche? Se ne parla agli Stati generali dei professionisti del patrimonio culturale
Nel corso della due giorni, si discute di tematiche attuali a 360° rispetto all'universo cultura, analizzando lo stato di musei, archivi e biblioteche con dati ...

"Libri classici da leggere per evitare brutte figure nella vita", qual è il vostro preferito?
Cent’anni di solitudine di Gabriel García Márquez
Fiesta di Ernest Hemingway
Il barone rampante di Italo Calvino
Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia
Il giovane Holden di J.D. Salinger
Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway
La Divina Commedia di Dante Alighieri
Le onde di Virginia Woolf
Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen
Ossi di seppia di Eugenio Montale
Siddharta di Herman Hesse
Viva la grammatica di Valeria Della Valle e Giuseppe Patota

LIBRERIAMO - La piazza digitale per chi ama i libri e la cultura.
Testata giornalistica Aut. Trib.di Milano n° 168 del 30/03/2012. Condizioni di utilizzo del sito
Per contattarci: redazione@libreriamo.it - ©2012 tutti i diritti riservati P.le Biancamano, 1 - 20154 - Milano (MI) - Tel: + 39 02 20404212 - P.Iva: 06286930968
Proprietà intellettuale: Libreriamo - Associazione culturale - Creato da mavilab.it  -  Area riservata